Riceviamo e pubblichiamo
Venerdì 9 ottobre (ore 21.30) dopo quasi sette mesi torna un concerto al FolkClub di Torino. Elsa Martin, Davide Ambrogio, Simone Bottasso, Nicolò Bottasso presentano “LinguaMadre: il Canzoniere di Pasolini”. Ingresso intero 20 €, Ridotto Under 30 10 €, Live Streaming 6 €.

Ecco finalmente il primo concerto al FolkClub dopo quasi sette mesi.

Per inaugurare la trentatreesima stagione di concerti nel piccolo club  di Via Perrone a Torino si recupera  venerdì 9 ottobre alle 21.30 uno dei concerti annullati a causa dell’emergenza sanitaria. 
Paolo Lucà – direttore artistico del FolkClub – teneva particolarmente a ospitare questa produzione originale che vede impegnati sul palco i Linguamadre, ovvero Elsa Martin al canto, Davide Ambrogio alla chitarra, zampogna, lyra, percussioni e canto, Nicola Bottasso al violino e tromba e Simone Bottasso all’organetto e flauto.
Tutto parte dal Canzoniere Italiano, pubblicato da Garzanti nel 1955, una raccolta di poesie e canzoni popolari curata da Pier Paolo Pasolini.

Era la prima volta che la cultura alta si interessava alla  poesia popolare e il volume, attraverso un lungo viaggio da regione e regione, aveva lo scopo di far conoscere uno scenario lirico molto complesso e interessante.
Pasolini, uno dei più originali  intellettuali del secolo scorso, aveva raccolto nella sua opera le vilote venete e friulane, i canti piemontesi, le canzune abruzzesi, gli strambotti, le ninne nanne, i mutos sardi e le canzoni fasciste  e partigiane.
Il Canzoniere Italiano ha rappresentato negli anni un volume imperdibile per comprendere le nostre radici regionali e per la valutare la vastità della nostra cultura nata su un territorio chiamato Italia.

Questo è il presupposto storico e letterario da sono partiti i Linguamadre, su suggerimento del giornalista Enrico de Angelis, per dare voce a queste liriche e realizzare i nove brani che compongono fra gli altri la scaletta del concerto di venerdì 9 ottobre e il disco Il canzoniere di Pasolini. Dal vivo l’amalgama dei suoni curata dai fratelli Bottasso da Cuneo e dalla genialità del calabrese Davide  Ambrogio farà risaltare la bravura di Elsa Martin, eccellente interprete friulana in un percorso attraverso la poesia popolare e le sue molte lingue, proprio quando in Italia si avviava la lenta erosione del dialetto come “lingua madre”.

Il progetto, nato nell’estate del 2019 dai festival Premio Loano, Premio Parodi e Mare e Miniere arriva finalmente sul palco del FolkClub.
Il concerto sarà anche il primo trasmesso in streaming a pagamento, in un esperimento di fruizione ibrida con parte del pubblico presente in sala e parte on line.
Ingresso intero 20 €, Ridotto Under 30 10 €, Live Streaming 6 €.
https://www.folkclub.it/it/