Riceviamo e pubblichiamo
Domani, martedì 22 settembre, a “Passato e Presente” si parlerà della battaglia di Solferino del 1859. “Il labirinto del fauno”, film vincitore di tre Oscar.

A “Passato e Presente” la battaglia di Solferino con Paolo Mieli e il professor Gilles Pécout
È l’alba del 24 giugno 1859 quando, su un fronte di circa 20 chilometri compreso tra Medole e San Martino, nel tranquillo scenario delle colline mantovane, l’armata alleata franco-piemontese e l’esercito austriaco si affrontano in una delle battaglie più cruente della storia europea: la battaglia di Solferino. Una pagina di storia ripercorsa dal professor Gilles Pécout con Paolo Mieli a “Passato e Presente”, programma di Rai Cultura in onda martedì 22 settembre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Questi gli antefatti. Il 23 aprile 1859 il presidente del consiglio del Regno di Sardegna Camillo Benso Conte di Cavour respinge l’ultimatum austriaco che intima ai piemontesi di smobilitare l’esercito. L’abile diplomazia del ministro sabaudo ha ottenuto l’appoggio della Francia di Napoleone III, a patto che la guerra sia dichiarata dall’Impero asburgico. E così dopo l’ultimatum, quell’alleanza stipulata quasi segretamente a Plombières diventa operante a tutti gli effetti. La seconda guerra di indipendenza è iniziata da circa due mesi quando si combatterà la battaglia di Solferino. 

“Il labirinto del fauno”. Il film vincitore di tre Oscar
Guillermo Del Toro
rilegge in chiave fantasy una storia ambientata nel periodo franchista, alternando reale e favoloso, nel film vincitore di tre OscarIl labirinto del fauno”, in onda martedì 22 settembre alle 21.15 su Rai5.  Il film è disponibile anche in lingua originale, senza interruzioni pubblicitarie. Spagna, 1944. Ufficialmente la Guerra Civile è giunta al suo epilogo, ma in realtà un piccolo gruppo di ribelli continua a lottare asserragliato sulle montagne a nord di Navarra. La piccola Ofelia, una deliziosa e sognante bambina di dieci anni, è in viaggio insieme a sua madre Carmen, in attesa di un figlio, per raggiungere Navarra. Sono dirette a incontrare il capitano Vidal, il nuovo marito di Carmen e patrigno di Ofelia, che non lo ha mai visto. Vidal, capitano dell’esercito fascista di Franco, ha ricevuto l’ordine di liberare la regione dai ribelli. Giunta a Navarra, Ofelia ha una spiacevole sorpresa: Vidal si è stabilito in un vecchio mulino in disuso e, imperioso e abituato al comando, la intimidisce e non la tratta in modo amichevole. Lasciata sola, la bambina ha come unica compagnia quella di Mercedes, la giovane cuoca che prepara il pasto per i soldati, ma, appassionata al mondo delle fate, Ofelia ama anche sognare e trascorrere le sue giornate da sola. Un giorno, per caso, scopre un antico labirinto al centro del quale sorge una scalinata che conduce ad una camera segreta. È qui che Ofelia incontra Pan, un vecchio satiro che la sta aspettando da tempo per sottoporla a tre prove di coraggio utili a rivelare la sua vera identità. In concorso al 59° Festival di Cannes (2006). Oscar 2007: migliore fotografia, scenografia, trucco. Nel cast Sergi López, Maribel Verdú, Ivana Baquero, Doug Jones, Alex Angulo, Ariadna Gil.