Riceviamo e pubblichiamo
Domani, sabato 12 settembre, su Rai1 tre interessanti appuntamenti: “Passaggio a nord ovest” con Alberto Angela, ultima puntata di “Linea Verde Radici” che ci porta in Toscana e “Linea Blu” che ci racconta del Lago Maggiore e delle saline di Marsala.

Passaggio a nord ovest: le straordinarie proprietà del sughero  
Cosa c’è dietro un oggetto semplice come un tappo di sughero? Lo scopriremo insieme ad Alberto Angela, a “Passaggio a nord ovestsabato 12 settembre alle 11.25 su Rai1, andando a Calangianus, in Sardegna, alla scoperta delle foreste di sughero, una straordinaria materia prima dalla quale si possono ottenere i più svariati prodotti e che viene impiegato in ambiti innovativi come la bioedilizia. Poi, con Gholam Reza Arjanaki, cacciatore di serpenti iraniano, impareremo a conosce i serpenti più velenosi e temuti al mondo. E ancora: come vivono  tedeschi? Si trascorreranno ventiquattro ore in Germania, addentrandosi nella vita di questa nazione. Quindi ci sposteremo in Perù, a nord di Lima, dove sono state scoperte ossa umane all’interno delle mura dell’antico insediamento di Chachapoya, caratterizzato da sarcofagi posizionati sulla ripida parete della montagna.  

“Linea Verde Radici”: Viaggio in Toscana
Ultima puntata di stagione per “Linea Verde Radici”, sabato 12 settembre, alle 12,25, su Rai1, che si sposterà in Toscana. Un racconto di territorio che parte dal Monte Serra e scende nella provincia di Lucca, in una riserva naturalistica unica, quella del Lago di Massaciuccoli, navigato da Federico Quaranta a bordo di una barca a remi, luogo in cui il grande compositore Giacomo Puccini scelse di vivere molti anni della sua vita, in uno scenario selvaggio che ispirava ogni nota delle sue celebri opere. Poco distante dal lago, un’altra riserva naturale, un paradiso nascosto, quello dei Bagni di Lima, una forra dentro cui scorre un’acqua cristallina già conosciuta in epoca romana e riscoperta solo da pochi anni. Natura e ovviamente tradizioni, come la ricerca dei tartufi in un bosco di Forcoli, nella provincia di Pisa, o la cultura dei giardini a Pistoia, zona con la più alta presenza di vivai in Italia. Il viaggio toscano finisce in mare, a Viareggio, a bordo di un peschereccio in cui padre e figlio portano avanti una tradizione di famiglia, la pesca di mazzancolle, fatta con una rete considerata “sostenibile”.

Nuovo appuntamento con Linea Blu sulle rive del Lago Maggiore e alle saline di Marsala
Si rinnova l’appuntamento con “Linea Blu” che questa settimana approda sulle rive del Lago Maggiore. Donatella Bianchi e la sua squadra nella puntata di sabato 12 settembre, alle 14.00, su Rai1,  intraprendono un viaggio nella bellezza che parte da lontano, da quando nel 1500 due esponenti della famiglia Borromeo decisero di costruire su una delle isole del lago una fastosa residenza. Fu il primo passo di un lavoro immenso che ha reso le isole Borromee famose in tutto il mondo e una delle mete turistiche più visitate d’Italia. Dall’isola dei pescatori si prenderà il largo per pescare i pesci di lago, specie forse un po’ meno conosciute di quelle di mare ma sempre richiestissime dai turisti, e questa sarà anche un’occasione per capire quali sono stati gli effetti del lockdown in una zona ad altissima vocazione turistica. Si entrerà poi nel “San Carlone”, la poderosa statua che raffigura il santo Carlo Borromeo, voluta dal cugino, il cardinale Federico Borromeo. Posizionata su un piedistallo di 11 metri, con i suoi oltre 23 metri di altezza è stata per secoli la statua più alta del mondo, prima della costruzione della statua della libertà di cui fu ispiratrice. Con Nicolò Bongiorno si farà un tour molto particolare e toccante nei luoghi che tanto erano cari a suo padre, il grande Mike. Si salirà poi su una funivia storica, quella che porta sulla cima del Mottarone, dalla cui sommità si gode una vista spettacolare su questo lago particolare che divide i suoi confini con due nazioni, l’Italia e la Svizzera, e due regioni, il Piemonte e la Lombardia. Fabio Gallo invece sarà alle saline di Marsala, un ambiente magnifico, culla della biodiversità e habitat ideale per i fenicotteri rosa. Lì farà la raccolta a mano del sale.