La Capra Enoica (Fabrizio Capra)
Secondo appuntamento con il nuovo corso della rubrica “Il ritorno de La Capra Enoica”. Vini raccontati per definirli se si tratta di un prodotto “fashion” o “glamour”. Oggi vi “scrivo” del Greco di Tufo prodotto dall’azienda Cantina dei Monaci di Coppola Maria produttrice in quel di Santa Paolina in provincia di Avellino.

La scorsa settimana mi sono recato per cena a La Costiera, pizzeria e ristorante di Alessandria dove solitamente vado quando voglio un po’ evadere dalla solita routine gastronomica da single.

Cena di natura ittica che ho bagnato con un vino che mi ha piacevolmente sorpreso: il Greco di Tufo della Cantina dei Monaci di Coppola Maria, azienda in provincia di Avellino, in quel di Santa Paolina, uno degli otto comuni in cui è consentita la produzione per fregiarsi della denominazione controllata e garantita.
Già lì la mia mente si è sbizzarrita soltanto nel leggere l’etichetta: una “Cantina dei Monaci” non poteva che aver sede in “Santa Paolina”, connubio dal sapore ecclesiastico, sapore che si è materializzato nel momento in cui mi sono versato nel bicchiere il primo assaggio: si trattava di un qualcosa che aveva un sapore “divino” (e non solo “di vino”).
Naturalmente mi sono letto tutta la contro etichetta, un po’ come si trattasse della bandella della sovra copertina di un libro che ti racconta ma non ti dice tutto, giusto per lasciarti il gusto di scoprire ciò che vi è contenuto.
Così vengo a scoprire che la Cantina dei Monaci ha una antica tradizione (dal 1779) e non poteva essere altrimenti perché, storicamente, quando si parla di ottimi vini di mezzo c’erano sempre monaci, frati ed altri religiosi.

Il vino che ho avuto modo di degustare dagli amici de La Costiera è un Greco di Tufo DOCG, annata 2019, in purezza di 13,5 gradi, decisamente strutturato ma molto elegante e dal profumo persistente.
Un vino di classe e di piacevole permanenza nel palato da bere, quasi, in religioso silenzio per apprezzarlo appieno.
Ho trovato questo vino decisamente “fashion”, elegante e alla moda nel suo complesso.
E concludo citando un personaggio a me tanto caro, Plinio il Vecchio che affermò “In verità il vino Greco era così pregiato che nei banchetti veniva versato una sola volta
http://www.cantinadeimonaci.it