Riceviamo e pubblichiamo
Domani, giovedì 13 agosto, vi suggeriamo tra i programmi rai “a.C.d.C.” dedicato alla storia dei fuochi d’artificio e un documentario su Leonardo da Vinci.

Ad “a.C.d.C.” la storia dei fuochi d’artificio con il professor Barbero
Dall’invenzione avvenuta in Cina fino all’annuale rievocazione della Rivoluzione francese presso la fortezza di Carcassonne, in Linguadoca. La storia dei fuochi d’artificio e del loro utilizzo politico-sociale è al centro del nuovo appuntamento con “a.C.d.C.”, in onda giovedì 13 agosto alle 21.10 su Rai Storia. Il documentario introdotto dal Professor Barbero ricostruisce l’evoluzione dell’arte pirotecnica che, dai maestri italiani, su tutti i Fratelli Ruggieri, artificieri dei Re di Francia, ai cinesi, continua a vivere nei secoli e progredisce anche grazie alle ultime scoperte della tecnologia e della chimica.

Leonardo, l’uomo che salvò la scienza
Leonardo Da Vinci è passato alla storia sia per la sua arte pittorica sia per le sue invenzioni. Un personaggio raccontato da Alessandro Barbero nel secondo appuntamento con “a.C.d.C.” di giovedì 13 agosto, alle 22.10 su Rai Storia. Nei suoi quaderni sono conservati centinaia di dettagliatissimi modelli di invenzioni. Eppure, su manoscritti precedenti, i ricercatori hanno scoperto disegni e trattati che precorrono molte delle invenzioni attribuite a Leonardo. Il sistema di respirazione subacquea che ha progettato era in realtà già in uso presso gli Assiri, quasi 3000 anni prima. La celebre macchina volante di Leonardo è simile a quella testata da Ibn Firmas a Cordoba nell’anno 875. Pensare a un plagio è forse eccessivo. La realtà è probabilmente ben più interessante. Raramente il talento di un uomo, i suoi interessi e le sue risorse hanno tanto perfettamente calzato il momento storico. La carriera intellettuale di Leonardo era il culmine creativo di un processo incredibile: il rinnovamento della conoscenza tecnica che sembrava perduta con la caduta dell’Impero Romano d’Oriente, il Rinascimento. Il documentario rivela come Leonardo da Vinci sia riuscito a immaginare il futuro guardando al passato, e racconta la sua insaziabile curiosità, che lo ha condotto a ricercare una conoscenza scientifica e tecnologica che sembrava smarrita per la cultura europea, ma anche di come l’abbia messa in discussione e, attraverso la sua precisa osservazione e i tanti esperimenti, trasformata e migliorata fino a lanciare una nuova era scientifica.