di Giulia Lucchi
Con l’estate è necessario affrontare al meglio, per la nostra pelle, sole e caldo. Anche le donne operate per carcinoma mammario possono godersi i raggi solari. Ne parla il dott. Mario Rampa, medico chirurgo senologo.

L’estate è arrivata e per affrontare al meglio sole e caldo la pelle ha bisogno di tutta una serie di attenzioni particolari che variano da una corretta alimentazione e idratazione così come a livelli di protezioni e filtri solari adatti al proprio fototipo.

Ma come possono godersi i raggi solari anche le donne che sono state da poco operate per un carcinoma mammario o stanno affrontando un percorso di cura?
Risponde a queste domanda il dott. Mario Rampa Medico Chirurgo Senologo da tempo impegnato nella prevenzione e cura del carcinoma mammario femminile, anche attraverso l’Associazione PraeVenus da lui fondata nel 2019.
Il sole aiuta a produrre Vitamina D importantissima per le ossa e il loro sano mantenimento, ma è fondamentale non sottovalutare anche i pericoli a cui ci si espone se non si presta attenzione – questa è la regola generale che tutti conosciamo, ma per le donne che hanno subito un intervento o stanno affrontando un percorso di cura è ancora più delicato e importare prestare la massima attenzione” – spiega Rampa.
La fotosensibilizzazione è un tema molto importante da tenere in considerazione perché alcuni tipi di radioterapia e chemioterapia aumentano la sensibilità della pelle rendendola maggiormente delicata e quindi più soggetta a scottature e bruciature. A questo proposito è fondamentale utilizzare dei filtri solari adatti.
“Ho letto di una bellissima iniziativa ‘Solare Sospeso’ che permette di regalare solari a persone in terapia oncologica così che possano utilizzarlo regolarmente. È sempre positivo vedere come il concetto di prevenzione passi anche attraverso iniziative di questo tipo e nel nostro mondo è importante supportare e sostenere tutto ciò che può essere d’aiuto alle donne in cura, anche attraverso semplici gesti di solidarietà come questo”.

Ogni anno ricordo attraverso il mio sito, con dirette e video sui miei canali social quanto sia importante non smettere di fare prevenzione dando consigli e suggerimenti perché la prevenzione non va in vacanza ma deve essere un insieme di concetti ben radicati in ognuno di noi da seguire sempre, senza limitazioni”.
I filtri solari però non bastano – spiega Rampabisogna concentrarsi anche su altri temi come quello dell’alimentazione sana e corretta, a maggior ragione in questa stagione calda, dove il volersi godere la libertà senza orologio in mano implica a volte anche una poca attenzione a ciò che si mangia. Evitate cibi ad alto contenuto calorico, così come alcool e bevande gassate… prediligete invece acqua (almeno 2 litri al giorno) frutta e verdura; fate sport, mantenetevi sempre in movimento ed evitate il più possibile di avere comportamenti di vita sedentari”.