di Roberta Pelizer
Nel corso dell’ultima puntata del programma “Roby Sing & Song” Roberta Pelizer ha avuto l’occasione di intervistare Paola Iezzi e ci racconta di questa intervista.

Giovedì 16 luglio all’interno del mio programma “Roby Sing & Song” in onda su www.radiovertigo1.com ho avuto l’onore e il piacere di intervistare l’artista Paola Iezzi della scuderia di Clarissa D’AvenaRed & Blue Music Relation”.

Milanese di nascita e quindi un’eccellenza tutta Italiana , non vi nascondo che questa volta ero davvero emozionata perché sono cresciuta con le sue canzoni e l’ho ammirata e seguita da sempre.
La chiacchierata è subito partita in maniera confidenziale perché Paola è cosi: una donna empatica , con grande personalità e, soprattutto, piacevole da ascoltare, la sua voce è inconfondibile e suadente, affascinante proprio come lei.
Il brano che abbiamo ascoltato si intitola “Mon amour”.

Questa canzone l’avevo ascoltata solo una volta ma distrattamente, ieri, invece, in consolle con le cuffie me la sono gustata in pieno e già a metà canzone l’ho fatta mia e la canticchiavo.
Quando le ho chiesto che cosa l’aveva ispirata per scrivere questo testo Paola mi risposto così: “Quando si esce da un periodo particolare l’ispirazione c’è e a me piace fare le cose di qualità, con calma e belle perché a me piace, appunto, la bellezza e non mi piace annoiarmi e soprattutto fare annoiare il pubblico quindi questo testo ha una malinconia nella melodia contrastata dal beat che però fa muovere il corpo, quindi c’è una ricerca specifica in tutto ciò che è racchiuso in questo brano”.

A breve avremo anche il piacere di vedere il video che sicuramente sarà sorprendente visto i parametri e i canoni che sceglie sempre questa magnifica artista per tutti i suoi lavori.
Non ci ha ancora voluto svelare nulla ma siamo tutti curiosi di vedere di che cosa si tratta perché, se tanto mi dà tanto, il video sarà qualcosa di davvero eccezionale.

Ma Paola. non si ferma qui perché è un continuo vulcano di idee ed ispirazioni e infatti mi ha confidato che c’è già qualcosa che bolle in pentola ma, naturalmente, non ha voluto sbilanciarsi perché, come ogni buon artista che si rispetti, anche lei è scaramantica.
Quindi siamo tutti in trepidazione per i prossimi lavori futuri ma nel frattempo ci gustiamo tutti quanti “Mon amour”.