Riceviamo e pubblichiamo
Le due startup, entrambe dedicate al settore degli animali domestici, mettono a fattor comune esperienze e sinergie per portare innovazione in un settore che riguarda oltre 32milioni di italiani e che ha un giro d'affari da 5 miliardi di euro, con una crescita del 10% annuo nell'ultimo triennio.

In Italia oltre 32 milioni di persone ha un animale domestico, con un  mercato che vale 5 miliardi di euro ed è cresciuto del 10% annuo negli ultimi tre anni. È da questi numeri, oltre che da un grande amore per gli animali e per i cani in particolare, che sono nate MeetMyPet una startup innovativa che ha l’obiettivo di sviluppare una community di padroni e allevatori di cani, dando loro la possibilità di connettersi tra loro e migliorare la relazione con i propri animali domestici, e  Verumil primo servizio, su abbonamento e ‘taylor made’, per i cani, che ha recentemente compiuto un anno d’età. Le due aziende hanno deciso di mettere a fattor comune le rispettive esperienze, cercando di proporre un ulteriore valore aggiunto.
“Le startup innovative nel settore degli animali domestici non sono tante. Noi abbiamo avuto la fortuna di conoscerci e di avere due modelli di business vicini ma che non si sovrappongono, che permetteranno a tutti e due di guadagnare dall’esperienza reciproca”, riassume Andrea Cagna Sfriso, alla guida di Verum. Fra le varie attività che i due gruppi stanno studiando c’è la condivisione di attività di marketing, eventuali promozioni coordinate e un utilizzo incrociato dei dati per fornire una miglior esperienza per gli utenti.  

La più giovane MeetMyPet sta anche per affrontare un passaggio chiave nello sviluppo di ogni startup, ovvero la propria prima raccolta fondi, che ha preso il via il 13 luglio sulla piattaforma StarsUp. La società, che attualmente ha una valorizzazione ‘pre-money’ di 800mila euro, ha lanciato una campagna di equity crowdfunding (www.starsup.it/offerte/meetmypet-s-r-l). L’obiettivo è di raccogliere risorse fresche fra i 30 e i 200 mila euro massimi, con un investimento che può partire da 250 euro, per sviluppare il marketing e la comunicazione (50% dei fondi), per investire maggiormente in ricerca e sviluppo (25% del budget), per coprire i costi di produzione, ovvero personale e servizi, e le manutenzioni del software.
“Chi sceglierà di investire, oltre ai vantaggi fiscali previsti per questo genere di operazioni, entrerà a far parte, come socio, di un progetto ambizioso, in un mercato ad alto potenziale, assieme a un team composto da persone con specializzazioni specifiche”, spiega Tina Alogna, CEO & Founder di MeetMyPet
“Chiunque abbia un cane, almeno una volta, si è scontrato con una serie di problemi: come trovo un ‘partner’ per una cucciolata, magari avendo un animale di razza? A chi mi rivolgo se voglio un cucciolo? Se ho una cucciolata, a chi posso proporre i miei animali? Come trovo dei compagni di giochi per il mio cane? Il nostro obiettivo è fornire una risposta a queste e altre domande, fornendo un unico strumento in cui soddisfare tutte queste necessità: non è un semplice Social Network, ma un vero e proprio strumento capace di aiutare i proprietari a soddisfare i desideri del proprio amico a 4 zampe. Si tratta di un ottimo strumento che mette in contatto persone che condividono la medesima passione, ma anche una opportunità di business per tutte quelle aziende del settore Pet che sono alla ricerca di un pubblico profilato a cui presentare i propri prodotti o servizi”, aggiunge Alogna, CEO & Founder di MeetMyPet.  

Anche Verum, che ha da poco superato l’importante traguardo del primo rinnovo annuale degli abbonamenti, in questi ultimi mesi ha continuato con la formazione interna e con l’ottimizzazione del flusso di gestione del cliente e ha superato la soglia dei primi 100mila euro di ricavi, migliorando anche le modalità di vendita dei vari canali, dal web ai veterinai, passando per gli eventi. “Per continuare questo tragitto di crescita e anzi accelerarlo – continua Cagna Sfriso – cerchiamo anche un partner finanziario. Abbiamo avuto delle interlocuzioni con diversi venture capital, anche internazionali, e ci sono dialoghi in corso con alcuni gruppi del lusso made in Italy; in attesa di crescere ancora dimensionalmente lanceremo un secondo equity crowdfunding entro l’anno”. 
Fra le nuove iniziative della startup anche un prodotto ad alta tecnologia, realizzato su misura per Verum grazie ai brevetti di Hoop Solutions, assieme a cui sarà realizzata un collare e un braccialetto comunicanti fra di loro, che, oltre a permettere di sapere se il proprio cane si sia allontanato eccessivamente, renderà possibile utilizzarne il meccanismo di stimolazione per realizzare esercizi e giochi per il proprio cane, seguendo gli spunti che saranno presentati sul blog del gruppo.