di Roberta Pelizer
Oggi Roberta Pelizer ci racconta dell’intervista effettuata giovedì con Brando Madonia nel corso della trasmissione “Roby Sing & Song” su Radio Vertigo One.

Proseguiamo la nostra carrellata di artisti per la scuderia di Clarissa D’Avena , è la volta di Brando Madonia classe 1990 originario di Catania, e come sempre (e questo mi riempie immensamente il cuore di gioia) ho avuto il piacere di intervistare all’interno del mio programma “Roby Sing & Song” sulla web radio www.radiovertigo1.com
Un ragazzo davvero piacevole nella chiacchiera e che sprizza gioia da tutti pori, mette impegno e passione in quello che fa e del quale ti viene subito voglia di ascoltare la sua musica.

Brando è  figlio d’arte di Luca Madonia ma la sua “ bella gavetta” la fa in tutto e per tutto.
Cresciuto in terra siciliana, nel 2006 fonda la sua prima band e suona cover di vari artisti, nel 2012 insieme a due amici crea la band “Bidiel” e il nome nasce dall’unione delle loro iniziali e proprio con loro partecipa a San Remo giovani.
Brando, però, è un vulcano proprio come quello della sue città natale, infatti, nel corso degli anni, dedicandosi allo studio trova lo sbocco in un progetto da solista con l’etichetta fondata da Carmen Consoli che porta il nome di “Narciso record” ed inizia, così, un percorso completamente nuovo ricco di emozioni ma soprattutto di grande ispirazione.

Durante la nostra intervista ho percepito sin da subito la carica emotiva “positiva” di questo ragazzo che sicuramente è anche simpatico perché l’ho capito dalla sua voce squillante e briosa.
Il singolo che abbiamo ascoltato in radio si intitola “I pesci non invecchiano mai”: in questa canzone viene espressa la voglia di comunicare tramite la musica, la voglia di normalità e la visione di un futuro positivo.
Lo stesso Brando spiega che in questo brano vivono pensieri, emozioni e sensazioni tutte preposte verso un desiderio di normalità ma soprattutto di ripartenza.

Una nota molto simpatica riguardo invece al video è che è composto interamente da disegni fatti da un bambino piccolo e questo lo rende ancora più “speciale”… tramite i fogli, le matite colorate e la fantasia di un bimbo si fa così un viaggio per lasciare fuori tutto ciò che è superfluo e artificiale.
Brando non si ferma mai ed infatti ha in serbo già un nuovo brano che sentiremo più avanti ma nel frattempo il suo singolo sta già avendo un grande successo e se lo merita tutto perché questa canzone è davvero bella ed orecchiabile e non vedo l’ora di poter ospitare dal vivo questo grande artista.