Riceviamo e pubblichiamo
Su Rai5 prosegue il viaggio di Levison Wood sui “Sentieri himalayani” mentre inizia un nuovo percorso per Michael Portillo “Prossima fermata Australia”. Su Rai Storia ad a.C.d.C. si viaggia sulla Via della Seta e per la serie “I segreti delle cattedrali” la protagonista è quella di Saint Denis.

Sui “Sentieri himalayani” verso la montagna sacra: a piedi verso il Gangkhar Puensum
Una opportunità rara di esplorare lo spettacolare scenario himalayano da luoghi che quasi nessuno ha mai visto. È l’ultima tappa dell’impresa “impossibile” dell’esploratore Levison Wood – percorrere a piedi tutta la catena dell’Himalaya – nell’ultimo episodio della serie “Sentieri himalayani” in onda giovedì 25 giugno alle 13.50 su Rai5. Per le ultime 450 miglia del viaggio, Levison seguirà le montagne del Nepal orientale e si addentrerà nel Bhutan. Nell’episodio Levison e la guida Binod progettano di camminare nelle mistiche regioni orientali prima di arrivare alla base della vetta più alta del mondo, Gangkhar Puensum. È la montagna più sacra del Paese, dove è vietato arrampicarsi. Ed è qui che l’Himalaya scende verso l’altopiano tibetano.

Per Michael Portillo “Prossima fermata Australia”: da Augusta a Darwin
Un viaggio in treno lungo il continente australiano seguendo gli itinerari di una celebre guida ferroviaria, la Bradshaw’s Guide del 1913. È la serie “Prossima Fermata Australia”, che Rai Cultura propone da giovedì 25 giugno alle 20.15 su Rai5. Protagonista della serie è il giornalista ed ex ministro britannico Michael Portillo, che a bordo delle leggendarie Ghan e Indian Pacific Railways, racconta le grandi imprese ingegneristiche che hanno permesso ai viaggiatori di attraversare questo vasto e inospitale continente. Durante i suoi viaggi, Portillo si arrampica sulle Blue Mountains del Nuovo Galles del Sud, esplora il remoto Red Centre australiano ad Alice Springs e le foreste pluviali del Queensland. Nel primo episodio, Portillo sale a bordo della leggendaria linea ferroviaria Ghan, un treno passeggeri operante tra Adelaide, Alice Springs e Darwin che taglia a metà il Paese. Lungo la strada, dal porto meridionale di Port Augusta al porto di Darwin, sulla costa settentrionale, ricostruisce la storia di questo ambizioso progetto che si estende per quasi 2.000 miglia attraverso il centro rosso dell’Australia, e spiega perché è trascorso quasi un secolo per completarlo. Alla Bond Springs Cattle Station, Portillo scopre la storia del re del bestiame Sidney Kidman.

“a.C.d.C” sulla via della seta: dagli Unni alle ferrovie
Il racconto della via della seta, la rotta commerciale più famosa della Storia
, che ha contribuito a plasmare il mondo. Tre episodi – dagli Unni ai Mongoli, dalla peste a Cristoforo Colombo, da Marco Polo fino alla costruzione delle ferrovie americane – per un viaggio in compagnia del professor Alessandro Barbero e “a.C.d.C.”, in onda giovedì 25 giugno alle 21.10 su Rai Storia. Tema della prima puntata è la guerra: un’indagine per scoprire come la Via della Seta abbia influenzato il modo di combattere, dalla cavalleria alla polvere da sparo. Un racconto che prende il via dalla sconfitta romana a Carre, contro i Parti che ebbero la meglio sorprendendoli con innovazioni strategiche come gli arcieri a cavallo armati di archi ricurvi e frecce con punte intercambiabili, e le tattiche di guerriglia fatte di brevi attacchi a sorpresa. E ancora: gli Unni, il declino dell’Impero Romano, gli Avari, le staffe per montare a cavallo, i mongoli di Gengis Khan, la pax mongolica e il fiorire dei traffici, fino a Marco Polo e alla scoperta, casuale, della polvere da sparo.

I segreti delle cattedrali: nella basilica di Saint Denis
La prima opera assoluta dell’architettura gotica
, nella quale il suo creatore, l’abate Sugerio, impiegò per la prima volta l’arco acuto e gli archi rampanti. La basilica di Saint Denis è la protagonista de “I segreti delle cattedrali” in onda giovedì 25 giugno alle 22.10 su Rai Storia, con un’introduzione del professor Alessandro Barbero. La cattedrale rappresenta un modello che poi si irradiò in tutta l’Europa medievale. Dall’inizio dell’umanità i templi più belli sono stati dedicati al sole e alla luce divina, ma fino all’XI secolo, gli edifici cristiani non privilegiavano la luce, quanto piuttosto l’ombra e solo una rivoluzione architettonica riporterà la luce al primo posto. Il responsabile di questa rivoluzione è un monaco con un destino speciale, Padre Sugerio. Quest’uomo di umili origini avrà una vita sorprendente che lo porterà fino alla corte del re e il suo genio e la sua passione cambieranno la chiesa dentro e fuori. Il suo amore per la luce, le reliquie, l’oro, i colori modificheranno il vecchio concetto di chiesa austera e povera.