Torino, il diavolo, un portone, due delitti irrisolti e un fantasma… in via XX Settembre

di Fabrizio Capra
Torino, il diavolo e un portone è il tema di questo articolo per la rubrica “Non solo misteri”. Un portone in un palazzo dove vi sono delitti ancora irrisolti a distanza di secoli.

Il diavolo a Torino è una costante: la sue effigie è presente, più o meno occultata, in tanti luoghi dell’ex capitale d’Italia, specialmente sotto forma di mascheroni, che come è noto, svolgono una funzione apotropaica, ossia tengono lontano il “male”, ovvero il portone del diavolomalocchio, funzionando come deterrente a causa della loro spaventosità.
Tra questi mascheroni diabolici, ve n’è uno molto caratteristico lungo Via XX Settembre, collocato presso il civico n. 79.
Sulla stessa strada, al n. 40, all’angolo con via Alfieri, spicca un’altra “chicca occulta” della città: il Portone del Diavolo di Palazzo Trucchi Levaldigi, palazzo opera dall’architetto torinese Amedeo Castellamonte e, oggi sede di un istituto bancario, fatto costruire nel 1675 dal ministro delle Finanze di casa Savoia, Giovan Battista Trucchi di Levaldigi, per ospitare la Reale Fabbrica di Tarocchi.
Il portone, istoriato di figure occulte e ornato da un battente che riproduce una testa demoniaca, è ispirato alla carta n° 15, il “Diavolo”, per l’appunto, ed è opera di un artista italiano, Pietro Danesi.
Si tratta di un portone completamente intarsiato con decorazioni animalesche portone del diavolo particolaremetamorfiche, foglie d’acanto, fiori, mascheroni e teste di leone.
Il battente bronzeo raffigura un Satana con corna e bocca spalancata da cui escono due serpenti che scrutano i passanti.
Nella colonna centrale vi è invece uno strano mostro che tiene il mondo tra i suoi artigli.
Nel lunotto superiore si vedono putti che schiacciano un mostro a tre teste.
Osservando bene il portone si potrà anche notare un “topolino” nascosto tra le decorazioni, un animale piccolo che riesce a insinuarsi ovunque.
L’intento del portone è ben chiaro: trasmettere simboli con significati ben delineati.
La leggenda racconta che il ministro, esasperato dalle continue dicerie sul suo conto, alimentate dal fatto che aveva fatto costruire tanti palazzi in pochi anni, con denaro di dubbia provenienza, che tutto ciò era opera addirittura del diavolo, pensò di giocare uno scherzo ai suoi concittadini, facendo giungere il portone già finito da Parigi, facendolo portone del diavolo particolare 3installare a notte fonda.
La mattina dopo, in molti asserirono che soltanto il diavolo poteva avere fatto un siffatto prodigio!
Questo palazzo fu oggetto di tante speculazioni e pettegolezzi fin dal suo nascere e fu luogo di alcuni delitti irrisolti.
Il primo si verificò alla fine del 1700: durante una festa in maschera venne assassinata con uno stiletto la prima ballerina, Emma Cochet.
Il delitto restò impunito ma il fantasma di Emma si aggirerebbe ancora nella dimora.
Un altro delitto avvenne nell’800, quando il palazzo venne adibito a caserma militare.
Un soldato a cui era stato assegnato il compito di consegnare un dispaccio di una certa portone del diavolo particolare 2importanza, scomparve.
Tutti pensarono a una diserzione ma vent’anni dopo, in occasione di una ristrutturazione, un muro venne abbattuto e nell’intercapedine si trovarono resti umani: dai brandelli dei suoi abiti si capì che appartenevano al soldato scomparso, probabilmente assassinato e occultato.

Le foto sono di Giusy Virgilio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: