a cura della Redazione
Il Saltallocchio Cafè ospita da domani, martedì 17 dicembre 2019, nell’ambito del progetto Arte Diffusa, la mostra “Disegni e dipinti” di Simone Fontana. L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale  Libera Mente-Laboratorio di idee.

image1Domani, martedì 17 dicembre 2019, alle 18, al Saltollocchio Cafè in Alessandria (Corso Acqui, 123), nell’ambito del progetto “Arte Diffusa”, ideato e organizzato dall’Associazione Culturale  Libera Mente-Laboratorio di idee, verrà inaugurata la mostra “Disegni e dipinti” di Simone Fontana.
Alla presenza dell’artista introdurrà l’inaugurazione Fabrizio Priano, presidente dell’associazione.
Simone Fontana è un artista conosciuto e apprezzato che ha partecipato a diversi progetti con l’Associazione Libera Mente. La sua grande tecnica pittorica riesce a comunicare la sua estrema sensibilità.

Simone Fontana nasce a Voghera nel 1985. Fin dall’infanzia si appassiona al disegno ed alla pittura stimolato in particolare dall’osservazione di dipinti storici e con soggetti militari. Dopo aver conseguito la maturità artistica presso l’Istituto Statale d’Arte B. Cellini di Valenza entra in contatto con Giovanni Saldì, proprietario di un laboratorio di arte e restauro di Casale Monferrato dove affina la conoscenza della pittura ad olio ed acrilica. Dal 2010 entra in contatto con l’artista Carlo Cane ampliando la conoscenza dell’espressione pittorica. Dopo un periodo iniziale dove la ricerca pittorica era incentrata su soggetti riguardanti il rapporto uomo-natura, l’interesse del pittore valenzano viene catturato dal fascino senza tempo della raffigurazione del volto, riproposto coniugando la ricerca della tradizione pittorica del ritratto con un una poetica funzionale alla contemporaneità. nasce a Voghera nel 1985. Fin dall’infanzia si appassiona al disegno ed alla pittura stimolato in particolare dall’osservazione di dipinti storici e con soggetti militari. Dopo aver conseguito la maturità artistica presso l’Istituto Statale d’Arte B. Cellini di Valenza entra in contatto con Giovanni Saldì, proprietario di un laboratorio di arte e restauro di Casale Monferrato dove affina la conoscenza della pittura ad olio ed acrilica. Dal 2010 entra in contatto con l’artista Carlo Cane ampliando la conoscenza dell’espressione pittorica. Dopo un periodo iniziale dove la ricerca pittorica era incentrata su soggetti riguardanti il rapporto uomo-natura, l’interesse del pittore valenzano viene catturato dal fascino senza tempo della raffigurazione del volto, riproposto coniugando la ricerca della tradizione pittorica del ritratto con un una poetica funzionale alla contemporaneità.