Riceviamo e pubblichiamo
Tra poco meno di due mesi FieraMilanoCity ospita la quarantesima edizione della Borsa Internazionale del Turismo, conosciuta come la BIT. L’edizione 2020, quella dei 40 anni, mette in campo momenti speciali dedicati sia al mondo trade che al consumer. Oggi proponiamo la conferma della partecipazione della Regione Emilia Romagna.

UpkPfA5XLjjfSePczmnoihDMoYcuWEq64gs8+cc33hw=--Una terra che offre la possibilità di vivere esperienze diverse, dalla Riviera Romagnola con il divertimento per tutta la famiglia all’Appennino con le foreste secolari, dai parchi alle città d’arte, dall’enogastronomia ed i prodotti tipici al benessere termale: è l’Emilia Romagna, un territorio con numeri in costante crescita che punta ad una popolarità mondiale grazie all’offerta turistica dei suoi operatori che diventa unica in virtù della riconosciuta ospitalità degli abitanti. Tra le attività promozionali in programma nel 2020, la regione conferma la partecipazione  alla quarantesima edizione di BitMilano.
Premiata recentemente dalla Lonely Planet che le dedica per la prima volta una Guida, l’industria turistica della regione ha chiuso il 2018 sfiorando i 60 milioni di presenze (59,6 milioni), in aumento del 4,7% rispetto ai circa 57 milioni registrati nel 2017. Il saldo positivo rispetto al 2017 è prodotto dalla crescita sia della clientela nazionale (+6,8% di arrivi e +4,2% di presenze), sia di quella internazionale (+7,8% di arrivi e +6,3% di presenze).
mare_riminiAbbiamo incontrato Andrea Corsini, Assessore al Turismo dell’Emilia Romagna, per parlare di aspettative e obiettivi in merito alla partecipazione alla prossima edizione della fiera meneghina.
“Siamo alla Borsa del Turismo di Milano dalle prime edizioni, per i nostri operatori -una quarantina quest’anno- si tratta sempre di un’importante opportunità di business, con tanti incontri che generano contratti. Dal punto di vista della comunicazione, la nostra partecipazione è una occasione per consolidare i rapporti con gli amici della stampa e per creare nuovi contatti, fornendo spunti per articoli e servizi tv e radio sulla nostra offerta di vacanza a 360 gradi” dichiara l’Assessore.
Il 2020 rappresenta un anno ricco di importanti ricorrenze per questa terra. Continua Corsini: “Abbiamo un calendario ricco di eventi legati ai 100 anni di Federico Fellini e Tonino Guerra e ai 200 anni di Pellegrino Artusi, “padre” della cucina regionale italiana, bolognapassando per Parma Capitale Italiana della Cultura 2020 e le iniziative di Ravenna in vista dell’anniversario, nel 2021, dei 700 anni dalla morte di Dante”.
La distribuzione del movimento turistico del 2018 ha evidenziato la supremazia della Riviera, che concentra oltre la metà degli arrivi regionali (52,1%) e quasi i 3/4 delle presenze (71,9%). Seguono le Città d’Arte e d’Affari, con oltre 1/4 degli arrivi (26,3%) ed il 13,2% delle presenze.
Per il 2020 la regione ha obiettivi dedicati: “Puntiamo molto sul mix di esperienze: arte e cultura, food e motori, sport e wellness, natura incontaminata. Un insieme di prodotti in downloadgrado di soddisfare il viaggiatore contemporaneo, sintetizzato nelle proposte di vacanza delle tre Destinazioni Turistiche Regionali: Romagna (con i territori tra Ferrara e Cattolica), Emilia (Parma, Piacenza e Reggio Emilia) e Bologna con Modena” chiosa l’Assessore e conclude: “Desideriamo, inoltre, consolidare il brand ‘Emilia Romagna’ sui mercati internazionali, incrementare il turismo sportivo, ospitando eventi di caratura internazionale e grande affluenza, e puntare sempre più su Slow Tourism e vacanze green”.