a cura della Redazione
“Percorsi e soste”di ITATI è la mostra che verrà inaugurata giovedì 28 novembre 2019 in Alessandria nell’ambito del progetto “Arte Diffusa” dell’associazione culturale Libera Mente – Laboratorio di idee.

image0Giovedì 28  novembre 2019, alle ore 18, al Bio Cafè di Alessandria (via dell’Erba 12), nell’ambito del progetto Arte Diffusa,  verrà inaugurata la mostra “Percorsi e soste” di ITATI, organizzata dall’associazione culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee.
Saranno presenti l’autore e il presidente dell’associazione, Fabrizio Priano.
La Sculto Pittrice ITATI presenta una preziosa collezione di opere di piccole dimensioni ma di grande raffinatezza che invitano l’osservatore ad una attenta riflessione intimista.

ITATI Sculto Pittrice
Nasce a Novi Ligure (AL) nel 1973.
Con il padre, Guido SELMI, eclettico scultore ed instancabile organizzatore di eventi culturali, frequenta sin dai primissimi anni di vita in modo molto assiduo ambienti e personaggi di grande spessore artistico e culturale (Maurizio Corgnati, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, Piero Vignoli, Arnaldo Graglia, Andreani, Coscia, Brescianini, Reggiori, Bellini…).
Si diploma Maestro d’Arte e consegue la maturità artistica. Frequenta corsi di modellato, decorazione pittorica e tecniche di ingobbio presso la Scuola di Ceramica di Albissola (Savona) e corsi di restauro architettonico intervenendo con importanti Maestri d’arte nei lavori di fabbrica nel Museo Napoleonico, al Fonte Battesimale della Chiesa Natività di Santa Maria Vergine di Spinetta Marengo e di vari monumenti storici nella zona di Genova e Novi Ligure.
Nonostante un periodo dedicato a studi scientifici di biologia e attività lavorativa presso laboratori  di ricerca cosmetica, ritorna e frequenta prevalentemente gli ambienti dove da bambina ha respirato la magica atmosfera che l’arte trasmette, rafforzando la consapevolezza che l’arte procura momenti di profonda quiete, riflessioni, voglia ed esigenza di comunicare il valore  ed il messaggio che essa esprime a tutti coloro che le si rivolgono con animo aperto.
Nel 2000 si dedica allo studio, ricerca e sperimentazione di vari materiali e crea sculture in legno, metallo, creta, cemento, vinilici ed epossidici.
2001 Anagni (FR) : partecipa  con Alda Merini alla Manifestazione Internazionale ANAGNI-ARTE. L’opera è permanente presso lo stabilimento Dob far, Centro Internazionale di ricerca chimico-farmaceutica. 
2001 Roma: partecipa alla manifestazione Internazionale presso il gruppo “BUILDING- GROUP-ART “ POST POST SCRIPTUM” ARTE NEGLI SPAZI PUBBLICITARI. 
2002 Alessandria: realizza un Manifesto , iniziativa progetto A. FIRPO, il cui tema è “L’ALBERO”. 
Dal 2003 ad oggi partecipa a Biennali, Simposi di Scultura (Valdapozzo), collettive, progetti e rassegne  (da ricordare a Castel Boglione “CECI N’EST PAS UNE BARRIQUE?”  presso l’azienda vinicola Noceto Michelotti di Graham Kresfelder). 
Porta a termine e presenta l’opera “IL FILO”, un volume scritto a mano con la collaborazione del grafico Stefano LEARDI. Il libro, attraversato in ogni pagina da un filo rosso, sottolinea momenti vissuti, raccontati e confessarti, si trova nella Biblioteca Civica di Alessandria ed è consultabile dal pubblico.
2005 Noto (SR): personale presso la Loggia della Baronessa. 
2012 Radda in Chianti (SI) : personale presso il Palazzo del Podestà. 
Sue opere si trovano in esposizione permanente presso il “FOYER DES GUIDES” a Valtournenche, presso la Galleria “ORTARTE “ sul Lago d’Orta, presso lo studio ZEITER a Martigny in Svizzera e presso il SHARJAH-ART-MUSEUM negli Emirati Arabi.