Riceviamo e pubblichiamo
Sarà visibile al Coro della Maddalena, la chiesa più importante di Alba, fino al 24 novembre l’opera del progetto Anotherview.

DSC_1538Fino al 24 novembre The Langhe Supper sarà visibile al Coro della Maddalena, la chiesa più importante di Alba. Un atto performativo che per la prima volta entra nell’opera di Anotherview, per celebrare l’autenticità delle colline di Langhe Roero e Monferrato e la rarità del Tartufo Bianco d’Alba attraverso la successione di dodici pasti per dodici persone e un cerimoniere, seguendo l’iconografia dell’ultima cena. “La penultima cena al Coro della Maddalena sta sospesa fra sacro e profano. Abita l’aura del luogo religioso rifacendosi all’iconografia sacra” racconta Paolo Dalla Mora, co- autore dell’opera.
È stato realizzato tutto in presa diretta, per una lunga tavola conviviale che è durata 24 ore del 13 ottobre. Cornice dell’evento un vigneto con lo sfondo delle colline dell’UNESCO e la torre di Barbaresco.
Ora la Fiera Internazionale del Tartufo potrà riprodurre questa finestra sospesa sulle Langhe ogni volta che vuole raccontare nel mondo della bellezza di questo territorio, della sua cucina, nello stesso arco di tempo in cui è stata filmata, 24 ore” racconta Marco Tabasso, uno degli autori de La Penultima Cena- The Langhe Supper. Un’ esperienza totalizzante, totalmente immersiva, dal carattere unico: tutto segue l’iconografia dell’ultima cena, con 12 persone e un cerimoniere che si alternano ogni 2 ore, gustando i prodotti del territorio, nella cornice onirica delle Langhe. Curatore e co-autore dell’opera d’arte Paolo Dalla Mora, imprenditore, marketing manager di Moschino e proprietario dell’osteria Campamac nelle Langhe.
unnamedL’installazione in memoria dell’evento che a gennaio sarà oggetto del nuovo film e della nuova finestra digitale e l’“altare” dedicato al paesaggio africano, che connotano la mostra ad Alba, unitamente alle altre magnifiche viste sul mondo, faranno parte – come affermano gli artisti – “di un futuro catalogo di 365 giorni di viste uniche selezionate seguendo criteri narrativi, affrontando problemi e domande riguardanti la messa a rischio dell’ambiente, il continuo e intenso processo di urbanizzazione nella nostra civiltà, ma anche semplicemente cercando di cristallizzare la bellezza di un luogo in un preciso momento della sua storia”.
Si tratta della prima opera d’arte realizzata per e all’interno della 89esima Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba: Anotherview, un progetto di Marco Tabasso, Tatiana Uzlova e Robert Andriessen che consiste nella realizzazione di “finestre nomadi digitali”, ognuna delle quali racconta un giorno della vita di un luogo diverso del mondo. Ogni panoramica viene poi installata all’interno di una finestra fisica che riproduce le sembianze della finestra da cui la vista è stata registrata. Ospiti del mondo dell’arte, della cultura e della enogastronomia si sono susseguiti insieme ai personaggi tipici della tradizione piemontese, come i cercatori di tartufo, i membri della confraternita della Nocciola delle Langhe, chef stellati come Davide Oldani, che ha presentato XFETTA, uno strumento innovativo per lamellare il tartufo, Maurilio Garola (1 stella Michelin della Ciau del Tornavento e dell’osteria Campamac) e gli chef Alessandro Negrini e Fabio Pisani de Il Luogo di Aimo e Nadia (2 stelle Michelin).
DSC_1573Nulla di più affine allo scopo ultimo della 89esima Fiera Internazionale del Tartufo di Alba: “conoscere da vicino, annusare, toccare, assaggiare gli elementi della cultura materiale del Piemonte attraverso degustazioni, esperienze sensoriali e laboratori”. La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba quest’anno celebra l’equilibrio perfetto che unisce la tradizione e l’innovazione, che dialoga tra esperienza quotidiana e l’eccellenza. Ed è proprio in quest’ottica che si pone il progetto Anotherview: un atto performativo e condiviso che celebra l’autenticità delle colline di Langhe Roero e Monferrato e la rarità del Tartufo Bianco d’Alba elevandole ad opera d’arte. Il sostegno a questo progetto, nella scia di un costante appoggio a progetti culturali di valore che negli anni si sono affiancati alla Fiera vera e propria, contribuisce a portare nel mondo le terre e le tartufaie naturali dove i trifolao con i loro cani trovano il più prezioso diamante di queste terre.

Il tavolo di legno realizzato tra le vigne di Duilio Forte
Il tavolo stesso su cui verranno portati i piatti è un'opera d'arte, costruita direttamente tra le vigne da Duilio Forte. Artista italo- svedese, si laurea in architettura presso il Politecnico di Milano e fonda AtelierFORTE. Il suo lavoro si ispira ad animali immaginari, estinti e alla mitologia scandinava attraverso la regola ArkiZoic, da lui stesso inventata. Partecipa alla XI e XII Biennale internazionale di Architettura di Venezia e alla XXI Triennale internazionale di Milano. Ha prodotto 49 opere monumentali lignee della serie Sleipnir (h 10 per 15 m), ispirate al leggendario cavallo di Odino. Ha esposto in Svezia, Svizzera, Francia, Polonia, Italia, Monte Carlo, Slovacchia, Corea del Sud, Cina e USA.
Il Progetto Anotherview
In contrasto con la nostra realtà in rapido movimento e frammentata, Anotherview invita lo spettatore a fare un profondo respiro e godersi il lento scorrere del tempo con le sue migliaia di piccole storie di vita che accadono durante le 24 ore di un giorno qualunque o unico e per scoprire un senso diverso della percezione del tempo e dello spazio dalla prospettiva della propria casa. Avere una di queste finestre su una parete dà una breve sensazione di trovarsi (o perdersi) in un altro posto nel mondo. Allo stesso tempo la visione contemporanea di un giorno passato che sembra ancora attuale produce una sorta di “nostalgia del presente”, una forma di reazione romantica alla digitalizzazione della nostra vita sociale attraverso gli stessi strumenti elettronici.
Ogni finestra infatti può essere controllata attraverso una esclusiva applicazione smartphone che permette di controllare l’orario, trasformando la vista in un sorta di orologio naturale. Fino ad ora il team di Anotherview ha registrato panorami a New York, nel parco nazionale di Okaukuejo / Etosha in Namibia, a Shanghai, in Camargue, a Venezia,a Portofino, sulle Alpi a Città del Capo, in India e a Gerusalemme. Le finestre di Anotherview sono state esposte già in importanti fiere internazionali come Jingart a Pechino, Art Basel / DesignMiami a Basilea e a Miami, Salone del Mobile a Milano e PAD a Londra. Ogni finestra di Anotherview può essere controllata con una esclusiva app progettata da Anotherview Collective ed associata ad un codice segreto esclusivo per ogni cliente. L’applicazione consente di cambiare l’orario nel corso delle 24 ore del giorno registrato oppure scegliere di avere lo stesso orario di dove ci troviamo.
La volontà da un lato di “preservare” e “archiviare” questi luoghi per le generazioni future ma anche di renderci consapevoli della perdita a cui potremmo andare incontro a causa dei cambiamenti climatici e alla noncuranza nei confronti di noi stessi e dell’ambiente che ci circonda ci ha spinto ad iniziare questo progetto, “Once we were there”, una collezione di viste registrate da abitazioni esistenti che si affacciano su questi panorami che non vedranno il nuovo secolo.