rubrica a cura di Fabrizio Capra
Azzurra torna oggi con il nuovo singolo dal titolo “Letto 23” i cui proventi della vendita della canzone saranno devoluti all’Associazione "I Discepoli di Padre Pio” di Irene Gaeta. La canzone parla di Azzurra colpita da melanoma diffuso e di come cambia la percezione della vita.

azzurraDa oggi, martedì 5 novembre in radio, sulle piattaforme e negli store digitali è arrivato “LETTO 23” di Azzurra, brano scritto e prodotto da Gianni Errera. I proventi della vendita della canzone saranno devoluti all’Associazione “I Discepoli di Padre Pio” di Irene Gaeta che si sta occupando della costruzione di un ospedale e centro di ricerca per i tumori ai bambini, in Calabria, chiamato La Cittadella di Padre Pio.
Letto 23” parla di Azzurra colpita da un melanoma diffuso, e di come la malattia abbia cambiato la percezione della sua vita, cercando la forza per affrontare qualcosa che non conosceva,  guardando il domani come un regalo e di come questo male le abbia insegnato a vivere la vita vera,  quella fatta di comprensione, amore e tolleranza verso il prossimo.
copertinaGianni Errera producer dell’artista e autore del brano dichiara: «Azzurra era una mia ex allieva di Castrocaro, che incontrai dopo anni su Facebook, scoprendo che era stata colpita da un melanoma diffuso. La chiamai e le dissi  “Azzurra voglio scrivere un brano per te… di cosa vuoi  che parli?” E lei “di come vivo ora e del fatto che ringrazio questo male perché senza di esso non avrei conosciuto questa nuova vita”».
«Questa non è la mia canzone. È la canzone di tutti noi, di chi spera, di chi lotta e di chi combatte – dichiara Azzurra – Di chi sa che, anche da un letto di ospedale, si può guardare con gli occhi del cuore al di fuori delle mura. Di chi sorride sempre perché la vita va presa a morsi ed alza gli occhi al cielo per ricordarsi che non è mai solo».

Classe ’87, Azzurra Lorenzini nasce a Pisa. Fin da piccola ha amato la musica, ma soprattutto il canto. Essendo figlia unica, era il suo modo per aprirsi al mondo e comunicare qualcosa che nasceva dal cuore. Ha iniziato a studiare canto quando aveva circa 21 anni. Inizia il suo percorso artistico partecipando ad alcuni concorsi locali e nazionali. Nel 2013 tenta le selezioni per X Factor e nel 2014 frequenta l’Accademia di Castrocaro dove conosce Gianni Errera. Nello stesso anno inizia a fare serate pianobar e azzura 1karaoke con quello che poi diventerà suo marito, scoprendo che la musica è anche condivisione e gioia. Insieme al marito ha organizzato concorsi di canto locali e nazionali, come: “Una Voce Per Domani” ed il premio nazionale “Musicarte”, in onore di Claudio Pelissier, padre del marito, scomparso a causa di un tumore alla pleura alcuni anni fa. Nel 2015 si è esibita live durante il Festival D’Europa a Firenze, presso La Citè. Dal 2016 al 2018 ha lavorato in una tv locale, Telegranducato, in onda in tutta la Toscana, programma pomeridiano nel quale intervistava artisti, politici e personaggi vari. Nel 2019 ritrova Gianni Errera che ha pensato di scrivere un brano che parla di lei e del dono della vita.
Gianni Errera, produttore discografico, musicista, compositore e arrangiatore, ha una lunga esperienza maturata negli anni in Italia ma soprattutto all’estero (Canada Inghilterra), che lo ha portato a collaborazioni importanti: Alexia di cui è stato produttore artistico per l’album “Star”, Giancarlo Bigazzi e la collaborazione in Canada con il produttore di Brian Adams e infine la prestigiosa collaborazione con il fonico londinese Steve Lyon che annovera collaborazioni con artisti come Depeche Mode, Cure, Eric Clapton. Da sempre attento ai giovani talenti di cui è spesso punto di riferimento, per produzioni nuove, dal 2012 è stato invitato dall’Avv. Vittorio Costa, a diventare socio della Nove Eventi, nella cordata di importanti società del mondo discografico, rilanciando il Festival di Castrocaro, per il quale da anni, oltre che organizzatore ricopre il ruolo di Docente nell’attività di Formazione nella relativa Accademia. Oltre al prestigioso Festival di Castrocaro è organizzatore del Festival “Sanremo Rock”, di cui è stato anche Direttore Artistico nel 2016, e del Festival “Una Voce per l’Europa”. Parallelamente porta avanti anche la sua attività di compositore e arrangiatore di colonne sonore per importanti società di produzione cinematografiche, quali: Lotus Production, Minerva Pictures, Notorius Pictures e Leone Film.