a cura della redazione
Fabio Pieri al Caffè Alessandrino e Monica Dorato al Bio Cafè sono i fotografi dell’associazione Passo dopo Passo che esporranno in Alessandria per Arte Diffusa, progetto dell’Associazione culturale Libera Mente – Laboratorio di idee.

image2aSi inizia giovedì 17 ottobre 2019, alle ore 18, al Caffè Alessandrino (Piazza Garibaldi,  39 – Alessandria) con l’inaugurazione della mostra fotografica “BENZINA, RUGGINE E GLORIA” di Fabio Pieri.
Il giorno dopo, venerdì 18 ottobre 2019, sempre alle 18, al Bio Cafè (Via dell’Erba, 12 – Alessandria) sarà la volta della mostra fotografica “CHIUNQUE , SE VUOLE, PUÒ ESSERE CIÒ CHE VUOLE …ECCOME” di Monica Dorato con testo poetico di Gaia Ginevra Giorgi.
image2Entrambe le mostre rientrano nel progetto “Arte Diffusa” promosse dall’associazione culturale Libera Mente – Laboratorio di idee il cui presidente, Fabrizio Priano, introdurrà entrambi i fotografi.
Fabio Pieri con la sua mostra con eleganza e fantasia, ci riporta ad un gloriosotempo passato automobilistico” mentre Monica Dorato con grande sensibilità propone immagini fotografiche di forte impatto emotivo.

FABIO PIERI
Fotografo per passione da una vita, si è riavvicinato alla fotografia negli ultimi anni, dopo una lunga pausa. Membro dell’associazione Passo dopo Passo - Sezione Fotografica di Alessandria, nell’ambito della quale ha partecipato a diversi progetti rivolti alla valorizzazione del territorio alessandrino e ha partecipato alle mostre fotografiche “Icone del Commercio” e “Tattoo, Linee per la Vita”. Appassionato anche di ritratto fotografico e fotografia di scena, ha frequentato diversi workshop inerenti a tali temi. Vincitore del 1° premio nel Concorso fotografico di San Sebastiano Curone (AL) nel 2013 con l’opera “Così vicini, così lontani”. Nel 2015 ha partecipato alla Biennaled’Arte di Alessandria “OMNIA”. Segue costantemente il Gruppo Artistico alessandrino “Ostinata Passione” durante la rappresentazione dei loro spettacoli, Giulietta e Romeo, Notre Dame de Paris, Dracula , Evita e Tosca, sia come fotografo sia come realizzatore dei video di scena.
MONICA DORATO
Nasce il 27 maggio 1966 ad Alessandria, città dove attualmente vive e insegna. Inizia a scattare nel '83, a soli 17 anni, con la speranza di restituire all'osservatore una realtà che diversamente non avrebbe occasione di cogliere, di innescare una riflessione che, senza intenti provocatori, generi spirito critico ed emozioni condivise. L'interpretazione dei suoi scatti deve superare il senso della vista, per coinvolgere anche gli altri sensi, dal tatto all'olfatto e risolversi in un'esperienza che è prima di tutto viva e coinvolgente. La passione per i viaggi la porta a confrontarsi con etnìe differenti e a conoscere e rispettare le “differenti abitudini”. Le piace “danzare” attorno al soggetto  e coglierne la miriade di sfaccettature nascoste. Spazia da immagini paesaggistiche a foto di strada, da reportage a ritratti che catturano sguardi profondi, sempre e solo nel rispetto dell'altro.  Le piace paragonare la vita alla macchina fotografica e mettere a fuoco solo ciò che è importante, mantenendo sempre lo sguardo su tutto; catturare i momenti importanti, i più belli, e trovare sempre un nuovo scatto da fare.