di Fabrizio Capra
Mentre ci accingiamo ad affrontare a Fabriano l'ultima giornata del press tour vi racconto una delle tappe della giornata di ieri, le Grotte di Frasassi.

grotte di frasassi (6)Ieri si è svolta la seconda giornata del tour dedicato ai giornalisti alla scoperta di alcune importanti realtà marchigiane.
La giornata è risultata molto intensa: accompagnati e guidati dai titolari  di Aleste Tour ci siamo trovati catapultati in un susseguirsi di interessanti spunti a cui dedicare un articolo.
Oggi, al fine di evitare di cadere in una semplice elencazione di ciò che si è ammirato, mi soffermo sulla prima tappa vissuta ieri nelle meravigliose Grotte di Frasassi dove siamo stati ricevuti dal sindaco del Comune di Genga, Marco Filipponi.
Come ho dichiarato alla collega Rai della Regione Marche, è difficile raccontare le sensazioni, le emozioni e lo stupore che si viene a creare entrando all’interno della grotta.
grotte di frasassi (1)Un susseguirsi di colpi di scena fatti di giochi di stalattiti e stalagmiti che vanno a creare paesaggi all’interno dell’intero complesso.
Tre le possibilità di visita che riepilogo velocemente perché il sito internet le spiega in modo molto chiaro (http://www.frasassi.com/).
Un percorso semplice dedicato ai turisti che vogliono  vivere lo stupore di queste formazioni naturali.
Una seconda proposta, quella speleologa azzurra, per chi vuole, invece, addentrarsi in un percorso leggermente più impegnativo ma che, comunque,  richiede una maggiore attenzione e preparazione
Infine una terza, anch’essa speleologa ma rossa, dove il grado di difficoltà cresce ed è necessaria una vera e propria preparazione.
Mi sono lanciato, con alcuni colleghi, nell’avventura della proposta azzurra.
grotte di frasassi (2)Indossati tuta, elmetto, stivali di gomma, imbracatura e ricevute le dovute raccomandazioni si è partiti a una avventura che consiglio perché non si tratta di una semplice visita alla grotta ma, usciti dal percorso turistico, si è entrati a contatto con la grotta esterna.
Un qualcosa di difficilissima spiegazione perché l’emozione di essere all’interno di questa meraviglia, a contatto diretto con le conformazioni formatesi nei secoli, poterle toccare per sorreggersi nelle discese e nelle salite, mettersi in sicurezza in alcuni tratti, ma sempre a stretto contatto con queste meraviglie.
Se il percorso turistico è sicuramente il più appagante agli occhi, quello azzurro, dove non ci sono le spettacolari formazioni calcaree, ma un qualcosa che veramente è difficile spiegare, trasmettere.
grotte di frasassi (4)Il consiglio è quello, scegliendo il percorso che più si sente proprio, di vederle di persona perché non esistono parole per raccontare cosa si prova, importante è introdursi dentro le grotte con il dovuto rispetto per questa opera d’arte naturale.
Un ringraziamento alle due guide che ci hanno accompagnati che con grande pazienza e il loro aiuto ci hanno permesso di vivere questa emozione.
Le Grotte di Frasassi con i suoi 250-300 mila visitatori all’anno può effettivamente diventare il volano di una economia turistica della zona ricca di tante altre opportunità di ogni genere che, proprio grazie alle Grotte, possa diventare un pacchetto per scoprire un territorio fatto di cultura, arte, storia, ambiente… ma ci torneremo a parlarne.
Oggi voglio, invece, lasciare la ribalta a questo meraviglioso e suggestivo patrimonio naturale orgoglio non solo marchigiano ma per tutta l’Italia, perché bellezze del genere sono rare da godersi.
Ricordo che il tour è organizzato dall’Unione Montana Esino Frasassi e dagli amici di Tipicità che credono molto nelle potenzialità che questo territorio può esprimere.