Riceviamo e pubblichiamo
Ha riaperto il 1° settembre, dopo la chiusura estiva, la mostra Iniziamo da qui alla Galleria Frediano Farsetti Milano, collettiva a cura di Lorenzo Bruni con opere di Catherina Biocca, Giulio Delvé, Diego Miguel Mirabella. Interventi di Vedovamazzei e Cesare Viel. La mostra sarà visitabile fino al 25 settembre.
connection 01
foto Fabrizio Stipari

Ha riaperto ieri, 1° settembre, alla Galleria Farsetti di Milano la mostra Iniziamo da qui, visitabile fino al 25 settembre, una panoramica sull’arte italiana del terzo millennio grazie alle opere di tre giovani artisti emergenti, Catherina Biocca, Giulio Delvé e Diego Miguel Mirabella, oltre a due progetti speciali pensati per l’occasione da artisti della generazione precedente: Vedovamazzei e Cesare Viel.
Lorenzo Bruni ha selezionato cinque artisti, ritenuti tra i più interessanti in attività, per mettere in connessione due generazioni, che hanno in comune la riflessione sull’evento e il tempo.

Vedovamazzei_Wharol_2019_olio su legno_43x64 cm
Foto 1

Il percorso di Vedovamazzei e Cesare Viel è stato caratterizzato, fin dagli anni Novanta, da una forte indagine sul ruolo e la natura dell’opera, mettendo in evidenza il dialogo con il contesto in cui essa nasce e si sviluppa.
La loro presenza in mostra pone attenzione alla dimensione processuale dell’opera e al ripensare nel profondo le categorie di astratto e figurativo, oltre che di azione effimera e durata della stessa.
La loro scelta di far coincidere l’estraneo con il quotidiano permette di riflettere su cosa può essere considerato cultura oggi, sul valore dei musei come dello spettatore stesso.

Cesare Viel, _Diario contemporaneo_, 2004, inchiostro su carta, 32x44 cm., courtesy l'artista e galleria Pinksummer, Genova
Foto 2

I due ingressi dello spazio espositivo ospiteranno le loro opere, che ripensano lavori del passato per osservare come il senso comune, la percezione di spettacolo, inconscio e poesia siano  oggi mutati.
Catherina Biocca, Giulio Delvé e Diego Miguel Mirabella utilizzano differenti tecniche artistiche per interrogarsi sulla capacità degli oggetti naturali e quotidiani di trattenere le esperienze da cui sono attraversati.
I bassorilievi, i quadri, le installazioni e i video in mostra puntano a concretizzare il perimetro delle immagini delle cose, che però resta apparentemente illeggibile, per esprimere la loro necessità di una nuova profondità rispetto ad un mondo mediatico digitale, in cui tutto sembra raggiungibile, ma dove nulla lo è veramente.

Giulio_Delve_Migrante_compagna_ amante
Foto 3

Un altro aspetto costante nei loro processi creativi, è l’attenzione alla natura: come è evidente, però, nelle immagini di pecore di Mirabella, nelle foglie di palme di Delvé e nel mare di Biocca, si tratta di una natura che non è mai riconoscibile, ma appare come una allucinazione collettiva che si insinua nell’impasto delle opere.
Questo aspetto è sintomatico del loro concetto di colore, che non corrisponde una proprietà del singolo oggetto ma transita da una presenza all’altra, divenendo strumento per indagare la forza autonoma della sua essenza.
Ad ottobre 2019 la Galleria Frediano Farsetti ospiterà una seconda mostra che metterà a confronto tre artisti europei, accomunati dalla ricerca della trasformazione delle forme tra percezione ed esperienza.

Diego Mirabella_Si,Si #05_2015_Inchiostro, matite, smalto spray su carta_140x99cm
Foto 4
Artisti in mostra
Catherine Biocca (Roma, vive a Berlino) tocca le tematiche del disegnare, come quelle dello splatter al tempo degli schermi digitali, creando installazioni, quadri e oggetti che sfidano la loro bidimensionalità e insistono sul tema della scultura e del monumento contemporaneo.
Giulio Delvé (Napoli, vive e lavora a Napoli) indaga gli aspetti dell'assemblaggio e del ready made per riflettere sulla trasformazione delle forme naturali e artificiali.
Diego Miguel Mirabella (Roma, vive e lavora a Bruxelles) lavora al limite tra immagine della memoria e immagine inedita per analizzare come la percezione delle opere d'arte e del reale sia condizionata dai codici culturali del singolo soggetto, sebbene questo si senta divincolato dagli elementi del linguaggio universale.
Simeone Crispino e Stella Scala, meglio conosciuti come Vedovamazzei (Milano, vivono e lavorano a Milano) sono artisti estremamente prolifici, che è impossibile inquadrare in un filone tematico, in una scia forma - le, in un unico metodo di lavoro. Le immagini che producono, dagli schizzi su carta alle installazioni gigantesche, hanno la forza di imprimersi nella retina dei fruitori a fondo. Usano l’ironia in modo carnale, presentando i propri riflessi corporei, esponendo tutto il fuori misura che li contraddistingue, affrontando temi universali senza arretrare di un passo.
Cesare Viel (Chivasso, vive e lavora a Genova) protagonisti delle sue opere sono le parole e il corpo, accompagnati da diversi mezzi espressivi, tra cui prosa, performance, video, fotografia e disegni. Nella sua ricerca assume particolare importanza il coinvolgimento emotivo tra il narratore e l’osservatore, attraverso un percorso fatto di pensieri e racconti.

 

Caterina_Biocca_installazione Art_Rotterdam
Foto 5
Galleria Frediano Farsetti
Fondata nel 1999, l’attività della Galleria d’Arte Frediano Farsetti si propone di affiancare a grandi retrospettive sui maestri del Novecento italiano ed internazionale, proposte più sensibili alle ricerche della contemporaneità. Tra le numerose esposizioni realizzate nel corso degli anni nella sede milanese e in quella di Firenze, aperta nel 2011: Pellizza Da Volpedo e Balla (Dal Divisionismo al Futurismo), 2000; Pablo Picasso e alcuni amici di Parigi, Giorgio de Chirico romantico e barocco e Filippo de Pisis artista d’Europa, 2001; Modigliani:disegni e acquerelli e Mario Sironi, 2002; Aria di Parigi, tre toscani a La Ruche: Soffici, Modigliani,Viani e Soutine, Kisling, Utrillo e la Parigi di Montparnasse, 2003; Dalì all’eternità, 2004; Lucio Fontana, un maestro e le sue tecniche, 2005; Golden Venice da Guardi a Fontana, 2007; Da Fontana a Castellani:artisti oltre la forma, 2010; La neometafisica: Giorgio de Chirico e Andy Warhol e Hans Hartung: opere scelte 1947-1988, 2012; Divisionismo e Futurismo: l’arte italiana consegnata alla modernità, 2013; Umani non umani, Carmelo Bene, Claudio Abate e Mario Schifano, 2014; Vis a vis, arte antica e moderna a confronto, 2016; XL Extralarge, Dalla Pop Art ai graffiti, 2017; Boris Zaborov,2018.




Iniziamo da qui
Catherina Biocca, Giulio Delvé, Diego Miguel Mirabella
Interventi di Vedovamazzei e Cesare Viel
A cura di Lorenzo Bruni
fino al 25 settembre 2019
Galleria Frediano Farsetti, via della Spiga 52 (ingresso da Via Manzoni), Milano
Tel. +3902794274 - Fax +390276012706
info@galleriafredianofarsetti.it
www.galleriafredianofarsetti.it
Orario: Lunedì: 15.00 – 19.00 / Da martedì a sabato: 10.00-13.00 – 15.00-19.00
Foto 1 - Vedovamazzei - Wharol - 2019, olio su legno 43x64 cm  
Foto 2 - Cesare Viel - Diario contemporaneo - 2004, inchiostro su carta, 32x44 cm., courtesy l'artista e galleria Pinksummer, Genova
Foto 3 - Giulio Delvé Migrante - compagna  amante
Foto 4 - Diego Mirabella - Si,Si #05 - 2015, Inchiostro, matite, smalto spray su carta 140x99cm
Foto 5 - Caterina Biocca - installazione Art Rotterdam