Aspiranti Modelle: come comportarsi nel backstage di una sfilata

di Fabrizio Capra – direttore artistico RP Event
 Affrontiamo oggi per la rubrica dedicata alle “aspiranti modelle” come ci si deve comportare nel backstage affinché il tutto possa svolgersi nel modo più regolare possibile.
foto Francesco Barilaro 2

foto Francesco Barilaro

La passerella davanti al pubblico è solo l’atto finale (o quasi) di un lavoro enorme che, ai più, rimane un qualcosa di invisibile.
La modella è solo una tessera, seppur importante, di questo puzzle che è la sfilata di moda.
Abbiamo avuto modo di parlarne in un articolo della rubrica “RP Event” e pertanto non voglio tornarci sopra anche perché l’impegno della modella è collocato in un lasso di tempo ben preciso.
Innanzitutto la modella selezionata per la sfilata deve garantire la sua disponibilità: dalla prova abiti alle prove della sfilata, dall’accettare quanto viene abbinato a lei alle scelte coreografiche e di regia.

foto Inna Galash 2

foto Inna Galash

La modella è il “mezzo” utilizzato per portare in visione alle persone interessate, siano esse i grandi compratori (parliamo quindi di sfilate mirate a far conoscere le tendenze future) siano esse potenziali clienti (parliamo di sfilate per negozi che intendono portare a conoscenza cosa hanno da vendere) le proposte della moda.
Pertanto diventa necessario “adeguarsi” alle esigenze del committente, sia esso stilista sia negoziante.
Detto questo ci sono alcuni aspetti che rivestono una certa rilevanza affinché tutto possa funzionare al meglio.

foto Francesco Barilaro 1

foto Francesco Barilaro

In primis la puntualità nel rispetto delle altre persone che lavorano nel realizzare la sfilata e delle colleghe che resterebbero in attesa per iniziare le varie attività collegate alla sfilata.
Detto della puntualità, di cui ho già rimarcato l’importanza in altri articoli, bisogna saper gestire il proprio spazio nel backstage per evitare confusione nel momento dei cambi.
Sovente gli spazi sono quelli che sono e il gestirsi in modo metodico aiuta a rispettare i tempi.
Le scarpe ben allineate in modo di non dover perdere tempo nel cercarle quando si fa il cambio d’abito.

foto Inna Galash 3

foto Inna Galash

L’intimo da utilizzare tenuto a portata di mano: non è una scena edificante vedere ragazze che iniziano a tirare fuori dalla borsa qualunque cosa non trovando il capo di abbigliamento intimo da indossare adatto al capo che da li a poco dovranno portare in passerella.
L’abbigliamento che si è usato per giungere sul luogo della sfilata non gettato a casaccio ma riposto in modo ordinato dentro la borsa.
Consiglio di adottare l’utilizzo di un trolley: agevole da portare e che garantisce una gestione migliore di quanto bisogna portarsi dietro.
Chi opera nel backstage fa di tutto per agevolare i tempi dei cambi soprattutto se, anche da parte della modella, si tengono conto di questi piccoli accorgimenti che sembrano banali ma aiutano tantissimo.
Ci sono poi alcuni comportamenti da tenere presente che, a livello locale spesso si tollerano ma che a livelli più importanti sono assolutamente da rispettare.
Da quando la modella arriva nel backstage e iniziano le prove:
– ci si deve dimenticare di avere cellulari, smartphone, tablet, ecc. (solo in alcuni momenti di pausa è possibile consultarli ma durante le prove, la preparazione e la sfilata non devono proprio esistere;

foto Inna Galash 1

foto Inna Galash

– fatte le prove e fatte le dovute pause quando ci si ritrova è assolutamente vietato (tranne cause di forza maggiore) abbandonare il backstage, tanto più quando si è già indossato il capo di abbigliamento da portare in passerella;
– è vietatissimo fumare nel backstage: il fumo rischia di impregnare gli abiti.
Infine un suggerimento: tra modelle bisogna cercare di raggiungere il miglior rapporto possibile, rispetto e correttezza, evitando di criticare altre colleghe, non è un comportamento professionale e rischia di mettere in cattiva luce la ragazza creando disarmonia.

foto Francesco Barilaro 3

foto Francesco Barilaro

Poter sfilare in armonia è una delle armi vincenti per far si che una sfilata abbia successo.
Porto ad esempio, nel suo piccolo, l’esperienza con un gruppo fantastico che sono le modelle che sfilano per l’agenzia RP Event di cui mi onoro di farne parte come direttore artistico.
Probabilmente non siamo ancora al vertice della piramide (però poco ci manca) nel modo di affrontare questo impegno ma nel corso di questi anni sono stati fatti importanti e positivi passi avanti e tutte le modelle, sfilata dopo sfilata, stanno dimostrando attaccamento, impegno, professionalità e correttezza, tutti valori che fanno si che le sfilate si rivelino sempre un grande successo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: