Moda – Disabilità una sfida da vincere. Un segnale di rottura nei confronti di un tabù

di Fabrizio Capra – direttore artistico RP Event
Che rapporto c’è tra modelle e disabilità. Sicuramente un rapporto difficile dovuto a ostacoli soprattutto mentali. Essere una donna disabile non significa precludersi il desiderare di essere belle, di curare il proprio aspetto, di farsi ammirare. Qualcosa sta cambiando ma Moda – Disabilità rimane una sfida ancora da vincere.

Modelli disabili sfilano in passerella alla New York Fashion WeekProseguono i nostri articoli dedicati alle aspiranti modelle: oggi tratteremo un argomento particolare ovvero il rapporto tra modelle e disabilità.
Essere una donna disabile non significa precludersi il desiderare di essere belle, di curare il proprio aspetto, di farsi ammirare. Moda – Disabilità purtroppo è un rapporto ancora poco frequente e difficile, anche se qualcosa sta cambiando nella mentalità sia degli addetti del settore sia dell’opinione pubblica sempre più sensibilizzata su queste tematiche.
Le caratteristiche per queste donne devono rispondere ai seguenti requisiti: coraggio, essere pronte a sfilare sulla passerella, uscire fuori dagli schemi e saper dimostrare di essere belle e attraenti anche in presenza di un handicap.
Lo sfilare o il posare per queste donne deve portare inevitabilmente al superamento dello stereotipo della modella con corpo mozzafiato e sorrisi smaglianti.
Sfilare con la sedia a rotelle o realizzare uno shooting fotografico è un segnale di rottura nei confronti di un tabù: anche una donna disabile può essere attraente, e su questo bisogna arrivare a creare un alto livello di consapevolezza.
La grande forza deve essere quella di saper superare le discriminazioni e i pregiudizi  ancora presenti nonostante che l’interesse per le modelle disabili sta crescendo sempre più scoprendo anche in queste donne bellezza e sensualità.
È già da qualche tempo che da entrambe la parti c’è l’impegno nel sensibilizzare su questi argomenti  affinché anche una donna disabile possa avere le sue occasioni sia fotografiche sia sulle passerelle: l’obiettivo principale da perseguire è quello di integrare le persone con disabilità in questo mondo difficile e, a volte, settario.
modella sedie rotelle shootingAll’estero i pregiudizi sulla disabilità stanno pian piano cadendo e sono stati fatti grandi passi avanti; auspichiamo che anche in Italia ci si possa muovere in questa direzione, non lasciando a poche e sporadiche occasioni il coinvolgimento di modelle disabili.
Se una ragazza disabile vuole iniziare a posare o a sfilare la prima cosa a cui non deve assolutamente pensare è di non essere all’altezza, realizzando nella propria mente inutili paragoni che possono solo frenare entusiasmo e opportunità.
Purtroppo è anche vero che molti colgono l’occasione di inserire nei propri lavori (servizi fotografici, campagne pubblicitarie, sfilate, ecc.) modelle disabili per una pura opportunità legata alla visibilità e all’opinione pubblica.
Così si corre il rischio che quella che è la possibilità di rappresentare un mondo, far diventare “normale la diversità”, si trasforma, invece, in un fatto di puro opportunismo, dove si pensa esclusivamente a un ritorno d’immagine, a far parlare di loro.
Diventa pertanto importante, accettando di fare servizi fotografici o sfilate, di capire se è solo un interesse di facciata oppure se veramente c’è un progetto serio dietro e in questo può essere utile affidarsi a una persona fidata del settore.
Quindi, se per una ragazza che vuole fare la modella è un requisito essenziale, la determinazione lo è ancora di più per una ragazza disabile: il posare o lo sfilare può essere molto più faticoso, l’accessibilità a set o a passerelle può risultare difficoltosa, certi movimenti e pose possono essere preclusi… ma tutto ciò non deve abbattere perché, se da un lato ci deve essere la giusta forza di volontà, dall’altro la persona che è di fronte, fotografo o regista o coreografo, deve avere la capacità di capire e adattare, saper trasmettere fiducia con il proprio incoraggiamento e la propria professionalità.
modella disabile shootingRispettando tutto ciò i problemi e le difficoltà diventano tutte risolvibili e si possono raggiungere risultati e traguardi a volte insperati.
Una volta che si decide di fare questo passo vuol dire che ci si sente pronte per affrontare questo mondo da un punto di vista differente rispetto alle altre modelle, di voler accettare la sfida per dimostrare che certe caratteristiche possono coesistere con l’essere disabile.
Poi ognuna deve scegliere il genere, proprio come devono fare tutte le modelle. Il genere è un qualcosa che ognuna sente proprio.
Il consiglio è quello di non fare quello che non vi convince: c’è sempre tempo a provare nuove situazioni.
Una affermata modella disabile, Jillian Mercado, ha affermato: “Non ci si dovrebbe vergognare del proprio corpo, spero che nella mia vita avrò l’occasione di vedere una modella disabile sfilare per Victoria’s Secret, perché è questo il tipo di cosa che la gente considera sexy”.
migliaccioConsiglio alle ragazze disabili che vogliono lanciarsi in questo mondo di andare a cercare su internet la Mercado, perché incoraggia chi vuole seguire il suo esempio, un qualcosa che dovrebbero, però, vedere tutti per comprendere che la vera diversità è nella testa delle persone e non nei fatti.
Essere disabili e modelle significa fare delle proprie debolezze il proprio punto di forza, un qualcosa che capita a pochi, un qualcosa che deve essere affrontato senza pietismi, senza ipocrisia, senza falsi moralismi ma con la volontà di trasmettere emozioni, belle emozioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: