di Novellus Apicio
sedani-di-farro-robiola-e-basilico-e-pistacchi-5-980x400
dal sito http://www.agrodolce.it

L’aver visto in redazione che oggi è programmato un articolo relativo alla “Robiola di Roccaverano” mi ha stuzzicato l’idea di inserire in questa rubrica una ricetta in cui viene utilizzato questo fantastico prodotto.
Che cos’è la “Robiola di Roccaverano D.o.p.”? Sono andato a cercare la spiegazione sul sito del Consorzio dei produttori.
Si tratta di un formaggio a pasta morbida, a latte 100% caprino oppure caprino/bovino, realizzato artigianalmente nel territorio situato nelle colline intorno al paese di Roccaverano (AT), in Piemonte, dieci comuni in provincia di Asti e nove in quella di Alessandria.
Le origini della robiola di Roccaverano risalgono ai Celti che, stabilitisi in Liguria, iniziarono a produrre un formaggio simile al prodotto attuale. Della robiola di Roccaverano si fa, inoltre, menzione nelle cronache dell’anno 1000. Fu con l’avvento dei Romani che questo formaggio assunse il nome di rubeola, dal latino ruber, termine con cui veniva indicato il colore rossastro assunto dalla crosta al termine della stagionatura. Delle qualità di questo formaggio, e del suo processo produttivo, parlò anche Plinio il Vecchio nei suoi scritti.
Per approfondire vi consiglio una navigata nel sito del Consorzio http://www.robioladiroccaverano.com/home.html

Uncooked buckwheat pasta-gluten freeHo trovato una interessantissima ricetta sul sito www.agrodolce.it: pasta di farro con crema di robiola, pistacchi e basilico.
Si tratta di un piatto semplice e veloce da preparare che aiuta a diversificare i nostri menu.
Unire farro e robiola è un ritorno al passato trattandosi entrambi due prodotti già utilizzati in antichità.

Ingredienti per 4 persone
320 gr. di Pasta corta di farro
100 gr di Robiola di Roccaverano cremosa
50 gr di Pistacchi di Bronte
1 mazzo di Basilico
30 ml di Olio extravergine di oliva
½ spicchio di aglio
40 gr di Parmigiano Reggiano
sale q.b.

robiola roccaveranoPreparazione
Mettete a bollire l’acqua per la pasta. Pestate in un mortaio il basilico con il sale, i pistacchi e l’aglio. Quando avrà raggiunto una consistenza cremosa unite il formaggio e, solo per ultimo, l’olio. Unite il pesto alla robiola lavorata a crema. Quando l’acqua bolle, salatela e buttate i sedani. Stemperate il composto di pesto e robiola con acqua di cottura fino ad ottenere una consistenza fluida. Scolate al dente la pasta e conditela.
Difficoltà: molto bassa
Tempo di preparazione: 25 minuti
Calorie 435 per 100 gr.