La Capra Enoica (Fabrizio Capra)
Trento - il Mausoleo di Cesare Battisti
Trento – il Mausoleo di Cesare Battisti

Mi trovavo in quel di Trento, un paio d’estati fa, per un po’ di sano turismo.
Nei miei programmi tracciati prima della partenza e regolarmente modificati durante la mia permanenza ho espletato quello che normalmente si fa almeno due volte al giorno: pasteggiare.
Premettiamo che davanti alla città di Trento si erge il Doss, una piccola collina sulla cui sommità si erge il mausoleo che ospita le mortali spoglie di un simbolo della Grande Guerra, l’irridentista Cesare Battisti e che fanno un’area sacra.
Or bene, decisi di inerpicarmi sulla sommità del Doss il pomeriggio del 15 agosto, Ferragosto appunto,  di pomeriggio (qui ci vorrebbe un faccino allampanato che si usa solitamente in chat) pensando “intanto siamo in montagna vuoi che si scoppi dal caldo?”.
Così mi ci recai dopo il pranzo ferragostano lanciando improperi a chi me lo aveva fatto fare ovvero a me stesso.

Trento - tratto del sentiero che porta al Doss
Trento – tratto del sentiero che porta al Doss

Giunto in cima quasi stremato prima di tutto mi sono goduto una splendida panchina all’ombra sulla quale mi sono spaparanzato per recuperare le mie forze e dopo mi sono dedicato alla visita di un posto che merita.
Vi chiedere cosa centra tutto questo con il vino?
Centra, centra!
Durante il pranzo con specialità trentine (ricordo tra ciò che ho consumato una eccellente carne salada passata alla piastra con polenta e fagioli in umido, piatto adattissimo per quello che mi attendeva dopo) ho degustato un ottimo vino delle terre trentine.
Si trattava di un Trentino Cabernet.
Ecco mi pare di sentire sollevare il quesito: ma il Cabernet è un vino che si trova comunemente in tutti i supermercati.
Si, certamente,di Cabernet se ne trovano di tantissimi tipi prodotti in varie zone viticole non solo italiane, un giorno degustai anche un discreto Cabernet prodotto in Cile, ma il piacere di degustare un Cabernet autoctono, nel suo ambiente naturale, un locale tipico trentino (la rinomata Birreria Pedavena), quale accompagnamento a piatti tipici, ha tutto il suo fascino.

Trento - vigneti visti dal Doss
Trento – vigneti visti dal Doss

Provo ora a sintetizzare cosa provai nel degustare quel vino che mi ricordo ottimo.
Un cabernet dal colore rosso rubino intenso (il colore che avevo nei miei occhi mentre mi trascinavo in cima al Doss), dal profumo leggermente erbaceo, etereo (proprio come l’atmosfera che si provava giunto sul Doss quando mi sono lasciato andare al mio meritato riposo per riprendermi dalle fatiche sia eno-gastronomiche sia della passeggiata), dal sapore asciutto (il contrario della mia camicia dopo l’inerpicata), pieno (come ero io dopo il pranzo), lievemente tannico con, a volte, gradevole sentore di legno (quello boschivo che mi circondava sul Doss).

Trento - panorama dal Doss
Trento – panorama dal Doss

Volete dire che mi sono trasformato in un Trentino Cabernet immedesimandomi in quel fantastico vino che ho comunque voluto riprovare in una sera successiva quando il percorso dal ristorante al bad & breakfast è risultato decisamente meno impegnativo.
Comunque è proprio vero: certi prodotti, sia cibi sia vini, vanno degustati nel loro territorio di origine perché è tutto un altro… sapore.
Basta poi non aver programmato una scarpinata impegnativa!