a cura della Redazione

Chiesa di San Panfilo, Villagrande di Tornimparte (Aq) – 62° posto con 6486 voti
39447_chiesa-di-s-panfilo-a-villagrande-di-tornimparteLa Chiesa di S. Panfilo di Tornimparte, dedicata a Panfilo, vescovo di Valva e Sulmona, ha le sue origini intorno all’anno 1000 ed è una delle più belle e antiche; subì però profondi rifacimenti, testimoniati da una sovrapposizione di stili architettonici, a seguito di due terremoti: quello del 1461 e l’altro del 1703. È dal 1902 monumento nazionale.
Romanica nell’impostazione, la facciata, preceduta da un vasto sagrato, conserva nella parte bassa strutture medioevali ed è costituita da un porticato in legno con copertura a capanna sorretto da pilasti in muratura.
Questa struttura fu, probabilmente, realizzata per proteggere rilevanti affreschi del XIV secolo. Il portale centrale e quello di destra appartengo al periodo iniziale della chiesa.
La parte superiore della facciata e il campanile sono settecenteschi, il rosone evidenzia la figura del santo protettore.
L’interno asimmetrico si presenta, diviso da tre coppie di colonne, in quattro navate, due a destra di quella centrale e l’altra a sinistra, con ingresso e zona absidale decentrati: caratteristica che la rende unica nella zona.
chiesa s panfilo porticoNella navata laterale sinistra troviamo la cappella del Crocifisso e due altari, uno dedicato a San Francesco e l’altro a San Panfilo.
In quella di destra si può ammirare l’altare della Natività e in quella attigua vi è la cappella della Visitazione e due altari dedicati a Santo Rosario e San Giuseppe.
L’altare maggiore, in fondo alla navata centrale, è dedicato alla Madonna Addolorata. Sempre in fondo alla navata centrale c’è l’abside che ospita il grandioso ciclo di affreschi che il pittore Saturnino Gatti (1463-1518), seguace di Botticelli e allievo del Verrocchio, ha realizzato intorno al 1495.
Il ciclo di affreschi rappresenta storie della vita e della passione di Cristo.
La scena della crocefissione fu rovinata con l’apertura di una finestra sull’abside nel 1922.
5975_chiesa-di-s-panfilo-a-villagrande-di-tornimparteLa volta dell’abside ospita la scena della Gloria di Dio con l’imponente figura di Dio Padre circondato da Santi, volti di cherubini e musici.
Interessante il cartiglio con un rigo musicale, le cui note ripropongono perfettamente il canto gregoriano del Gloria in Excelsis Deo.
Nel timpano è visibile l’affresco di una Annunciazione.
Tra l’angelo e la Madonna la figura di Dio Padre ed una chiesa che potrebbe essere quella di S. Bernardino a L’Aquila.
In basso sono raffigurati due personaggi: uno è S. Vito col cane ai piedi, l’altro, con il saio dei frati minori francescani, è fra Pietro dell’Aquila da Tornimparte, detto Scotello, noto filosofo e teologo scolastico del 1300.