a cura della Redazione
Pubblicati i primi trenta “Luoghi del Cuore 2018” in ordine di voti raccolti e integrati con i primi classificati per ogni regione non rappresentata nei primi trenta ci siamo trovati, consapevoli che non è possibile raccontare tutti i 37237 luoghi del cuore (ci vorrebbero 102 anni), bisognava trovare una metodologia per proseguire nella nostra presentazione di queste realtà.
Allora abbiamo scelto in modo scientifico: mettere in ordine le regioni numerandole progressivamente, aprire un libro sommare i numeri della pagina, vedere a che regione appartiene e così con le provincie e i luoghi… beh sistema classico e pratico.
La prima regione la Campania. 

Villa Romana dei Bagni della Regina Giovanna, Sorrento (Na) – 77° posto con 5407 voti
villa romana sorrento 2Un viaggiatore che si fosse recato su queste coste tra il I sec a.C. e il I sec. d.C. avrebbe assistito ad uno scenario incredibile di abitazioni private e piantagioni disposte sulla costa senza soluzioni di continuità.
Un’immagine eloquente di tale panorama residenziale è ben espressa dal geografo Strabone che, nel descrivere le città del Golfo di Napoli, si sofferma su quella fascia costiera del Cratere, appellativo allora utilizzato per definire il Golfo, delimitata dal Capo Miseno e dal Capo Ateneo, l’attuale Punta Campanella.
In tale diffuso fenomeno della villeggiatura nel Golfo di Napoli fu costruita la villa romana del Capo di Sorrento, un sofisticato complesso residenziale che occupava nell’antichità l’intera superficie del promontorio del Capo, distribuendosi in una porzione di territorio che abbracciava un punto di vista unico sul golfo di Sorrento, la baia di Napoli e l’isola di Ischia. La villa del Capo di Sorrento è nota dalla tradizione come “Bagni della Regina Giovanna” perché pare che la Regina Giovanna D’Angiò, sovrana di Napoli, frequentasse le coste sorrentine e in particolare questo ameno luogo.
villa romana sorrento 1Il bacino separava originariamente il promontorio dalla punta del capo, il quale doveva apparire come un’isola circondata su ogni lato dal mare, prima di esser poi modificato con la costruzione della villa.
Ai quartieri di abitazione della pars maritima si giungeva sia dall’alto del promontorio che via mare.
I resti archeologici oggi visibili della villa del Capo di Sorrento riguardano soprattutto gli ambienti costruiti sulla piattaforma rocciosa sul mare, ma anche i muri di terrazzamento e tre gruppi di cisternoni per l’approvviggionamento idrico della villa pertinenti al fondo agricolo coltivato.
La loro costruzione riuscì nell’intento di modificare le asperità del terreno per consentire di costruire vani che potessero rispettare secondo le diverse angolazioni lo stesso orientamento.
La forma irregolare del promontorio è stata livellata attraverso queste stesse sostruzioni in opera cementizia che, in tal modo definivano l’articolata base per l’impianto di vani polifunzionali rispondenti a diverse finalità a seconda anche della diversa esposizione.
Al di sopra degli ambienti cisterne si ergeva il cosiddetto “quadriportico”, rispondente alla tipologia del peristilio ellenistico con ambienti disposti intorno ad una costruzione colonnata.
11918_bagni-della-regina-giovannaAl di sotto del quadriportico e delle cisterne-sostruzioni si sviluppavano lungo tutti i lati del promontorio blocchi separati di ambienti costruiti su livelli diversi che seguivano l’andamento capriccioso della scogliera.
Gli ambienti disposti lungo il fronte settentrionale sono quelli che hanno restituito maggiori testimonianze di rivestimenti parietali e pavimentali, perché i più conservati di tutto il complesso e poiché meno esposti all’azione corrosiva del mare rispetto ai vani presenti sui lati lunghi.
I vani constano di stanze dalle volte stuccate e pavimentazioni mosaicate dalla diversa funzionalità decorativa.
L’interno del bacino è stato realizzato attraverso impostazioni di murature in materiale locale e in tufo giallo napoletano con magnifiche opere come due nicchie costruite anche sott’acqua.
villa romana sorrento 3Il bacino doveva presentare sulla sua sommità ulteriori stanze decorate come le nicchie sottostanti, il che è testimoniato dalla presenza di resti di murature in opus reticulatum lungo l’attuale discesa moderna.
L’entrata da mare va intesa come un accesso privilegiato alla villa, garantito anche da un percorso via terra che non corrisponde a quello moderno.
La baia naturale è definita in ultimo da tre scogli, che avrebbero funzionato da banchina frangiflutti oltre ad esser stati utilizzati come elementi per uno scenario impressionante per chi raggiungeva la villa dal mare.